works      about     links     contacts 

Molino e Lucidi Someone is speaking well of you 1
Molino e Lucidi Someone is speaking well of you 2
Molino e Lucidi Someone is speaking well of you 3
Molino e Lucidi Someone is speaking well of you 4
Molino e Lucidi Someone is speaking well of you 5
Molino e Lucidi Someone is speaking well of you 6
Molino e Lucidi Someone is speaking well of you 7

Someone is speaking well of you
Installation / Performance
2014

“Someone is speaking well of you; qualcuno sta par-lando bene di te; quelqu’un est en train de bien parler de toi; jemand spricht gutes über dich” is a video installation / performance of the duo Kindergarten, which proposes a reflection on cliches and the attribution of sense in communication and in the continuous shifts of meaning that are used by modern ways of transmitting messages. Playing with dualities, oppositions, double points of view is an integrating part of the nature and research of those artists that love to push for multiple and contrasting forces. In this case they shape a cutting reconnaissance on the spread of the written word, reflecting on the indiscriminate use of quotes and aphorisms that tend to lose their own original communicative power after they’ve been re-iterated and de-personalized. The artists talk of an “act of bulimia” when describing the almost pathological need of our contemporary communication of continuously spreading aphorisms by famous people from the past that fill speech with empty words. This is where the idea of using the fortune cookie comes from, an indus¬trial product that contains poetic or philosophical sentences, commonly and erroneously associated with Chinese culture. The ready-made is pro¬posed as a repetition of modularity and is a distinctive element of Kindergarten’s work. Four people of Chinese origin seated at office desks that face the back of the room are busy typing into a monitor the sentences that they find in the cookies in the four languages that are usually used, English, French, Ger-man and Italian. A Chinese voice in wired wireless recites these same sen-tences. The golden sun at the back of the room, that reminds one of the orient’s magic, breaks the automatism like an aesthetically pleasing and blinding light that is instead revealed as a product of industrial cards and a mass of objects devoid of any identity. A critique, as fragile as it is subtle, on the use of those sentences that at one time had an important meaning and that today seem to be only marketing, of companies or of one’s own self, through social networks. Kindergarten (Matteo Lucidi and Simona Molino) provoke an inevitable thought process, therefore the artwork is a success. Then it’s up to us to decide if we want to share their message or not.
Looklateral Magazine

“Someone is speaking well of you; qualcuno sta parlando bene di te; quelqu’un est en train de bien parler de toi; jemand spricht gutes über dich” è una video installazione / performance del duo Kindergarten che propone una riflessione sui cliché e sull’attribuzione di senso nella comunicazione, oltre che sui continui slittamenti di significato operati dai moderni mezzi di trasmissione dei messaggi. Giocare con le dualità, le opposizioni, i punti di vista doppi è parte integrante della natura e della ricerca degli artisti che amano sollecitare forze molteplici e contrastanti. In questo caso essi operano una ricognizione tagliente sulle modalità di diffusione della parola scritta, riflettendo sull’uso indiscriminato di citazioni e aforismi che reiterati e massificati tendono a perdere il proprio potere comunicativo originale. Gli artisti parlano di “atto bulimico” descrivendo l’esigenza quasi patologica della nostra comunicazionecontemporanea di riportare continuamente aforismi pronunciati da personaggi famosi o appartenenti al passato che riempie la bocca di parole svuotate e spoglie. Da qui l’idea di utilizzare il biscotto della fortuna, prodotto industriale contenente frasi poetiche o filosofiche, comunemente ed erroneamente associato alla cultura cinese. Il ready-made proposto come ripetizione di modularità è elemento distintivo del lavoro dei Kindergarten. Quattro persone di origine cinese si trovano sedute ad altrettante scrivanie da ufficio rivolte verso il fondo della sala intente a digitare meccanicamente su monitor le frasi riportate nei biscotti stessi nelle quattro lingue abitual¬mente utilizzate, inglese, francese, tedesco e italiano. Una voce cinese in filodiffusione recita le stesse. Il sole dorato posto al fondo della sala, che richiama la magia dell’Oriente, spezza l’automatismo come un abbaglio esteticamente accattivante che si rivela invece prodotto di carte industriali e massa di oggetti privi di identità. Una critica, tanto feroce quanto sottile, alla strumentalizzazione di quelle frasi che un tempo ebbero un importante significato e che oggi sembrano solo marketing, sia esso di aziende o di se stessi, attraverso i social network. I Kindergarten (Matteo Lucidi e Simona Molino) provocano una inevitabile riflessione, l’opera è quindi riuscita. Poi spetta a noi decidere se condividere o meno il loro messaggio.
Looklateral Magazine

Someone is speaking well of you sounds like both a warning and a revelation. Kindergarten, created by Simona Molino and Matteo Lucidi (both born in Foligno in 1978), is an artistic duo formed in 2008 that lives and works in Berlin. Their works combine installation with sculpture and performance with video and film. Their research investigates the concepts of oppression and dependence through minimal-pop made of modules and modified read-made objects. Kindergarten presents a premier at Zut!, the former cinema converted into an exhibition space in the Foligno city center for Dancity Festival / Attack Contemporary Art Session. The work 别人正在讚賞您, Someone is speaking well of you; qualcuno sta parlando bene di te; quelqu’un est en train de bien parler de toi; jemand spricht gutes über dich, 2014, is a video installation/performance that proposes a reflection on cliché and the attribution of meaning in communication, as well as on continuous shifts in meaning operated by modern means of message transmission. Playing with duality, opposition and double points of view is integral the nature of their research that loves soliciting multiple and conflicting forces. In this case, they operate a sharp reconnaissance on the dissemination of the written word, reflecting on an indiscriminate use of quotes and aphorism that when repeated and standardized, tend to lose their original communicative power. As sensed by the Pop art greats, Kindergarten employ repetition, serialization and recurrence as a powerful instrument for trivializing an object, synonymous with a progressive and relentless loss of meaning. Warhol taught that repetition creates addiction and habit, rendering the most revolutionary and violent messages harmless (his serigraphs serve as an example). The artists discuss a "bulimic act" describing the most pathological need of our contemporary communication to constantly regurgitate aphorisms from celebrities or the past that fill our mouths with words that are empty and bare. Hence the idea to use fortune cookies, an industrial product containing philosophical or poetic phrases, commonly and erroneously associated with Chinese culture. The ready-made object used to propose the repetition of modularity is a distinctive element of Kindergarten's work. Four people of Chinese origin are seated at an equal number of office desks facing the back of the room, they are intent on mechanically typing the sentences given by the cookies on to the monitor in the four commonly used languages, English, French, German and Italian. A Chinese voice reads the same phrases in the background. The golden sun placed at the end of the room, recalls the magic of the Orient, breaking the robotic feel, as an aesthetically appealing blunder that reveals in it industrial paper products and mass objects that lack identity. The perspective view from the entrance leads the eye toward the end of the room recalling the space's original function as a public cinema until in 1997 when the earthquake forced it to close, not unlike many other places. The darkness, brightness of the sun/screen and the position of the seats take us to that dimension, also noting the entirely modern habit of enjoying the message projected on the back of the cinema while it is "disturbed" by the small screens of existing communication devices (smartphones, tablets, etc.) that are never left to rest. Kindergarten also produced the trailer for the festival, drawing on suggestions from the same installation. We can see a Chinese girl in the video while a voiceover reads philosophical phrases. Soft music hangs in the background. The true protagonist is working on the assembly line inside a fortune cookie factory.
Marta Silvi - Curator - Review of the exhibition for Dancity Festival at Zut.

Qualcuno sta parlando bene di te suona come un'ammonizione e una rivelazione. Kindergarten, all'anagrafe Simona Molino e Matteo Lucidi (entrambi nati a Foligno nel 1978), è un duo di artisti formatosi nel 2008 che vive e lavora a berlino. Le loro opere combinano l'installazione con la scultura, la performance con il video e il cinema. La loro ricerca indaga il concetto di oppressione e di dipendenza attraverso un pop-minimale fatto di moduli e ready-made modificati. Per il Dancity Festival / Attack Contemporary Art Session, i Kindergartenpresentano in anteprima presso Zut!, un ex cinema in pieno centro a Foligno riconvertito in spazio espositivo, il lavoro 别人正在讚賞您, Someone is speaking well of you; qualcuno sta parlando bene di te; quelqu’un est en train de bien parler de toi; jemand spricht gutes über dich, 2014, una video installazione / performance, che propone una riflessione sui clichè e sull'attribuzione di senso nella comunicazione, oltre che sui continui slittamenti di significato operati dai moderni mezzi di trasmissione dei messaggi. Giocare con le dualità, le opposizioni, i punti di vista doppi è parte integrante della natura e della ricerca degli artisti che amano sollecitare forze molteplici e contrastanti. In questo caso essi operano una ricognizione tagliente sulle modalità di diffusione della parola scritta, riflettendo sull'uso indiscriminato di citazioni e aforismi che reiterati e massificati tendono a perdere il proprio potere comunicativo originale. Come avevano intuito i grandi artisti dell'arte Pop, i Kindergarten impiegano la ripetizione, la serializzazione e la reiterazione come strumento potente di banalizzazione dell'oggetto, sinonimo di perdita graduale e incessante di significato. Warhol insegna (e le sue serigrafie ne sono un esempio) che la ripetizione crea assuefazione e abitudine, rendendo innocui anche i messaggi più rivoluzionari e violenti. Gli artisti parlano di "atto bulimico" descrivendo l'esigenza quasi patologica della nostra comunicazione contemporanea di riportare continuamente aforismi pronunciati da personaggi famosi o appartenenti al passato che riempie la bocca di parole svuotate e spoglie. Da qui l'idea di utilizzare il biscotto della fortuna, prodotto industriale contenente frasi poetiche o filosofiche, comunemente ed erroneamente associato alla cultura cinese. il ready-made proposto come ripetizione di modularità è elemento distintivo del lavoro dei Kindergarten. Quattro persone di origine cinese si trovano sedute ad altrettante scrivanie da ufficio rivolte verso il fondo della sala intente a digitare meccanicamente su monitor le frasi riportate nei biscotti stessi nelle quattro lingue abitualmente utilizzate, inglese, francese, tedesco e italiano. Una voce cinese in filodiffusione recita le stesse. Il sole dorato posto al fondo della sala, che richiama la magia dell'Oriente, spezza l'automatismo come un abbaglio esteticamente accattivante che si rivela invece prodotto di carte industriali e massa di oggetti privi di identità. La visione prospettica che dall'entrata dell'ambiente conduce lo sguardo verso il fondo richiama la funzione originaria dell'ambiente stesso che fino al 1997, anno in cui il terremoto costrinse a chiudere questo come altri numerosi luoghi, era un cinema comunale. Il buio, la luminosità del sole/schermo, la posizione delle sedute ci riportano a quella dimensione, accennando anche l'abitudine tutta moderna di fruire il messaggio proiettato sullo sfondo della sala cinematografica "disturbati" dai piccoli schermi degli attuali dispositivi di comunicazione (smarthphone, tablet, ecc) mai lasciati a riposo. I Kindergarten realizzano anche il trailer per il festival attingendo alle suggestioni provenienti da questa stessa installazione. In esso vediamo una ragazza cinese mentre la sua voce fuori campo recita frasi filosofiche. Di sottofondo una musica soave. In realtà la protagonista sta lavorando alla catena di montaggio all'interno di una fabbrica che produce biscotti della fortuna.
Marta Silvi - Curatrice - Testo Critico della mostra per Dancity Festival allo Zut.